PARLIAMONE

PARLIAMONE

UN PO' DI TUTTO
 
IndiceCalendarioPortaleGalleriaFAQCercaLista utentiGruppiIscrivitiAccedi
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
I postatori più attivi del mese
andreas
 
ruby
 
florinda
 
fiorella
 
titti*
 
marylin
 
Angy
 
Rino51
 
gabriel
 
jole
 
I postatori più attivi della settimana
andreas
 
ruby
 
titti*
 
florinda
 
marylin
 
fiorella
 
gabriel
 
jole
 
Rino51
 
Migliori postatori
Angy
 
JAMES DUCK
 
andreas
 
florinda
 
marylin
 
marco.
 
ruby
 
miele50
 
leonid reznov
 
jole
 
Argomenti simili
Chi è in linea
In totale ci sono 37 utenti in linea :: 2 Registrati, 0 Nascosti e 35 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Rino51, Vincenzo

Il numero massimo degli utenti in linea è stato 913 il 2012-10-23, 00:13
Mag 2015
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
CalendarioCalendario
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
PORTALE

A Silvia , Giacomo Leopardi551
Condividere | 
 

 A Silvia , Giacomo Leopardi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
marylin
Admin
Admin


Messaggi: 5182
Data d'iscrizione: 14.11.11

MessaggioOggetto: A Silvia , Giacomo Leopardi   2012-08-20, 21:57

A Silvia

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


Silvia, rimembri ancora
quel tempo della tua vita mortale,
quando beltà splendea
negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,
e tu, lieta e pensosa, il limitare
di gioventù salivi?


Sonavan le quiete
stanze, e le vie dintorno,
al tuo perpetuo canto,
allor che all'opre femminili intenta
sedevi, assai contenta
di quel vago avvenir che in mente avevi.
Era il maggio odoroso: e tu solevi
così menare il giorno.

Io gli studi leggiadri
talor lasciando e le sudate carte,
ove il tempo mio primo
e di me si spendea la miglior parte,
d'in su i veroni del paterno ostello
porgea gli orecchi al suon della tua voce,
ed alla man veloce
che percorrea la faticosa tela.
Mirava il ciel sereno,
le vie dorate e gli orti,
e quinci il mar da lungi, e quindi il monte.
Lingua mortal non dice
quel ch'io sentiva in seno.

Che pensieri soavi,
che speranze, che cori, o Silvia mia!
Quale allor ci apparia
la vita umana e il fato!
Quando sovviemmi di cotanta speme,
un affetto mi preme
acerbo e sconsolato,
e tornami a doler di mia sventura.
O natura, o natura,
perché non rendi poi
quel che prometti allor? perché di tanto
inganni i figli tuoi?

Tu pria che l'erbe inaridisse il verno,
da chiuso morbo combattuta e vinta,
perivi, o tenerella. E non vedevi
il fior degli anni tuoi;
non ti molceva il core
la dolce lode or delle negre chiome,
or degli sguardi innamorati e schivi;
né teco le compagne ai dì festivi
ragionavan d'amore.

Anche peria tra poco
la speranza mia dolce: agli anni miei
anche negaro i fati
la giovanezza. Ahi come,
come passata sei,
cara compagna dell'età mia nova,
mia lacrimata speme!
Questo è quel mondo? questi
i diletti, l'amor, l'opre, gli eventi
onde cotanto ragionammo insieme?
questa la sorte dell'umane genti?
All'apparir del vero
tu, misera, cadesti: e con la mano
la fredda morte ed una tomba ignuda
mostravi di lontano.



Giacomo Leopardi
Tornare in alto Andare in basso
 

A Silvia , Giacomo Leopardi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

 Argomenti simili

-
» La collezione di * Silvia *
» Silvia Valerio
» Lo schifazzo San Giacomo (pozzimario) *** Terminato ***
» Indovina il lato b!
» giochino demenziale da fare con google o qualsiasi motore di ricerca

Permesso del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
PARLIAMONE :: -